Molto partecipato il primo incontro di presentazione del progetto di ricerca “Analisi dei flussi” delle realtà eco solidali del Pinerolese 

La serata di presentazione del progetto di ricerca ha visto una grande partecipazione di realtà dell’economia solidale: aziende agricole, associazioni, agriturismi, bed &breakfast, cittadini ed alcuni consiglieri comunali di piccoli comuni montani interessati all’argomento.

Il grande successo della serata  è un risultato positivo, che fa ben sperare nel futuro per il lavoro di interviste e di partecipazione attiva dei soggetti intervistati, per la costruzione di proposte pratiche ed applicabili che richiede la continuazione dell’iniziativa.

Nella serata sono stati presentati dal gruppo di ricerca le basi del progetto e le modalità di attuazione dello stesso. Il gruppo  di ricerca è composto dal prof  Roberto Burlando (responsabile del gruppo) e dai ricercatori  dott. Marco Fuscaldo e dott. Ivan Molineris  dell’Università di Torino. 

Il progetto in estrema sintesi

L’intenzione è di analizzare l'insieme degli scambi, derivanti dalla produzione e utilizzazione di beni, materia e  servizi, tra i diversi agenti che operano nell'ambito della economia eco solidale del Pinerolese.

La totalità delle relazioni intercorrenti tra i diversi settori può essere rilevata e approfondita mediante un’analisi detta anche input-output analysis (Leontief), la quale studia i meccanismi che presiedono alla formazione e utilizzazione della produzione dei diversi settori.

La realizzazione dell’analisi degli input e degli output (I/O) economici, di materia e di relazioni  verrà effettuata attraverso un questionario/intervista diretta e condotta da un rilevatore (analisi quantitativa-qualitativa della  durata di circa 40 minuti) a cui dovrà sottoporsi ogni singola realtà dell’economia solidale che aderisce alla ricerca. 

Possono aderire alla ricerca imprese, associazioni, enti locali, liberi professionisti e cittadini, tenendo presente che l’obiettivo è quello di costruire la rete di economia solidale, avendo in comune cioè il rispetto per i 5 principi base della Mappa Eco Solidale. (1.Persone e relazioni 2.Equità e trasparenza 3.Benessere dei lavoratori 4.Tutela dell’ambiente 5.Comunicazione).

Il 30 novembre 2014 è il termine ultimo per i soggetti dell’economia solidale interessati per aderire alla ricerca.

Il gruppo ha definito un questionario/intervista base che verrà testato nei prossimi 15 giorni con   4 interviste preliminari alle realtà che si sono offerte.  Si tratta della prova generale per  verificare l’efficacia del questionario ed eventualmente apportare delle modifiche che si ritengono utili e  necessarie ai fini della ricerca.

Per finanziare la ricerca si prevede di partecipare a uno o più bandi delle fondazioni bancarie, la ricerca non partirà senza la sicurezza di accedere ad un qualche finanziamento.

I° FASE 2015

Gennaio: posto che riusciremo a trovare un finanziamento, cominceranno le interviste/questionari agli aderenti (previsto un incontro in loco, di un’ora o due circa).

Marzo-aprile: i ricercatori analizzeranno i dati raccolti attraverso i questionari e produrranno la prima parte del report che fotografa la realtà della rete (punti di forza, criticità, ecc.), evidenziando quali potrebbero essere i punti nodo da risolvere per migliorare gli scambi (problemi logistici, finanziari, ecc.) e quali le risorse su cui contare (spazi disponibili, competenze, ecc.). Nel report saranno indicate anche una serie di proposte operative in moda da potenziare le collaborazioni e attorno a cui progettare in modo efficiente ulteriori scambi all'interno della rete.

II° FASE 2015

Maggio-giugno: sono previsti alcuni incontri (da due a quattro) con chi, tra i partecipanti alla ricerca, vorrà approfondire con i ricercatori le proposte operative in modo tale da individuare quelle più fattibili, sia dal punto di vista economico/ambientale che della disponibilità e capacità dei soggetti coinvolti. Tali proposte potranno costituire la base per l’attuazione di progetti concreti o per l’elaborazione di più articolate iniziative territoriali future.

Joomla templates by a4joomla